| HOME | SCULTURE | QUADRI | ESPOSIZIONI | CONTATTI |TAM TAM GHIONI | I GIORNALI | LE CRITICHE |  SEGNALA IL SITO |

 

GINO GHIONI «Barbarossa», è nato a Treviso il 7 Maggio 1934, ma risiede e lavora a Brescia. Studi fatti all'A.A.B. (Ass. Artisti Bresciani), Brescia - Gruppo Artisti  Via Margutta, Roma. Ha partecipato attivamente alla vita artistica nazionale ed internazionale.

Pittore - scultore - maestro del surrealismo formale - promotore e fondatore dell'A.I.D.A. (Ass. Int. Degli Artisti), associazione per uno scambio Internazionale e Culturale per il quale si è prodigato per ben quattro anni nei vari centri artistici dell'Africa, Asia, India, Europa per ben 22 Nazioni. Riconosciuto «Membro onorario» in tutti i centri culturali, dalle autorità artistiche e culturali delle stesse Nazioni da lui visitate. É un'artista poliedrico che si occupa principalmente di scultura e pittura, ma che non ha tralasciato la scrittura e il mondo dello spettacolo in senso lato. Da sempre in contatto con l'Associazione Artisti Bresciani e con il Gruppo Artisti di Roma ha partecipato attivamente alla vita artistica Nazionale ed Internazionale nelle più importanti città italiane ed estere. Gino è un maestro del surrealismo formale e si è sempre prodigato per la diffusione dell'arte e degli scambi culturali tra autori di paesi diversi. Gino è un grande personaggio dal carattere estremamente positivo e gioviale, dotato di un carisma eccezionale e di uno spirito umoristico non indifferente. Forse anche per questo le sue potenzialità travalicano la sfera dell'ordinarietà e si spingono ad esplorare ogni settore dell'umano percepire, riuscendo a cogliere gli aspetti più reconditi della nostra realtà. Uomo dal fisico possente e da una verve ineguagliabile, Gino riesce con la forza del suo linguaggio e delle sue provocazioni ad ammagliare chiunque e a diresempre quello che pensa con schiettezza e brutalità, senza per questo dimostrarsi antipatico o privo di savoir-faire. Gino ha girato buona parte del mondo ed ha contribuito con il suo lavora alla diffusione dello spirito artistico ma, poichè desidera diventare polvere al più tardi possibile, siamo convinti che potrà dare ancora molto alla nostra sete di spiritualità e generosità. Ghioni Barbarossa è poi un autore che non divide mai la sua esperienza artistica dalla solidarietà umana e dall'impegno umanitario, per questi motivi mette a disposizione la sua arte e le sue opere nelle varie mostre di beneficenza.

É indubbio che Gino Ghioni "Barbarossa" sia un personaggio! A Nave (BS) molti lo ricordano come quel pittore eccentrico che in Prada per più di un mese, nel lontano 1974, stette su un albero a dipingere; ben 107 furono le sue opere eseguite in quel periodo. Articoli di giornale, curiosi, critici d'arte, molti furono in quel periodo che vennero a Muratello di Nave, pochi sanno che quel gesto fu dettato dal dolore e dallo sconforto per la perdita di un caro grande amico, il navense Roberto Morandi. Da allora, saltuariamente và a Nave, anche se ha mantenuto forti legami e diverse preziose sue opere sono in molte case del territorio. Pittore, scultore, dalla critica è considerato un valente e poliedrico artista; una sua opera importante "FEDE LA FORZA CHE SALVA IL MONDO" fu donata a Paolo VI nel Dicembre 1972 (la portò a Roma con il "mitico" Gerosa 48).

Attività artistica svolta nei seguenti paesi: Africa, Asia, Medio Oriente, Europa, Senegal, Zambia, Camerun, Costa d'Avorio, Sud Africa, Angola, Rodesia, Mozambico, Kenia, Pakistan, Afghanistan, Iran, Iraq, Giordania, Libano, Turchia, Grecia, Jugoslavia, Svezia, Danimarca, Portogallo, Canada e nelle seguenti città Italiane: Brescia, Milano, Busto Arsizio, Genova, Treviso V., Vicenza, Cremona, Mantova, Roma (Città del Vaticano, Anno santo IX-1975).

Ha eseguito: numerosi affreschi in cattedrali all'estero, fra le quali: «Cattedrale di religione metodista» a Freetown (Sierra Leone), commisionatogli dalla maggiore Autorità ecclesiastica.

Ha illustrato: su commissione, in Sud Africa, varie epoche della «Storia dei Boeri». Ha donato un bozzetto a Beppe Frau, per la «Casa Albergo» di Nikolajewka, Mompiano. Un quadro è stato acquistato dal prof.Cristian Barnard a Città del Capo.

Ha eseguito: numerosi ritratti, di cui ricordiamo: il Giudice Samuel Foster (Freetown); il Re dell'Afghanistan Zaheir Shah; il Gen. Ali Nasseir a Kabul.

Ha eseguito monumenti per mutilati e invalidi del lavoro e per l'Associazione Nazionale Bersaglieri d'Italia a: Lonato, Artogne, Bagnolo Mella, Calcinato, Nuvolera ed al Minatore a Courcelles in Belgio (1982) ed un monumento all'Aeroporto di Ghedi, dedicato al VI Stormo ai Diavoli Rossi (1987); altre sculture si trovano ai giardini di Milano, Villa Fabbri, Mantova, Cremona, Brescia ed in Abruzzo - Monumento ai Bersaglieri, Bedizzole 1999, Pralboino 2002. Monumento al Fante, Mazzano - 2003. Monumento al Bersagliere, Ghedi - 2003. Monumento al Carabiniere, Travagliato - 2005.

Di lui hanno scritto: lo scrittore C. Celidono (Console e critico d'Arte a Dakar, Senegal); il M. Scultore Prof. Ferruccio Quaia (Belle Arti di Padova); il Prof. Migliarina (Critico d'Arte int., Dir. Giornale «La Prealpina»); E. Armiraglio (Critico d'Arte milanese); Co. G. Panciera di Zoppola (BS); A. Morucci (Critico d'Arte bresciano); Elio Barucco «La Notte»; Dr. G.F. Majorana, Dir. gall. S.Michele, Brescia; Nerina Valeri, Brescia; Prof. Luciano Spiazzi, Brescia; Elio Domeniconi «Guerrin Sportivo», Milano; Etta Palmieri (Critico d'Arte), Modena Flex.

Referenze: Galleria S.Michele, Brescia, Dr. G.F. Majorana - Saletta d'Arte «La Torre», Canneto S/Oglio (MN), Dir. D. Vescovi.

Riconoscimenti:  1° Premio  Casina  Greco,  Roma 1965 - Mario d'Amico,  Min. Spettacolo e Turismo;     1° Premio Moretto, Brescia 1974 - Trofeo Beni Culturali On. M. Pedini, Mondo 3, Desenzano del Garda 1976 - Settimana Morettiano, Piazza Duomo, Brescia 1979.

Pubblicazioni: Bolaffi, catalogo nazionale della scultura, 1-2-3-4 ediz. (autori) - Inserto Bolaffi Arte Vol. n.65 (intervista a Scultori Lombardi) - Dizionario dei pittori bresciani e Dizionario degli scultori bresciani (Giorgio Zanolli Editore)


 

 
 
 
 
 
ESPOSIZIONI
 
 
SCULTURE
 
 
QUADRI
 
 
INTERVISTA SU YOU TUBE

Intervista a Gino Ghioni
su You Tube

 

 

 



 

 

 

 

 

\

 

www.ginoghioni.com  Sito Ufficiale Gino Ghioni tel. +39  339 2700623 ore 9,00-21,00